Archivi del mese: febbraio 2008

Se per strada scorgete un essere umano che sembra volare – tale la velocità del suo incedere –  non crediate si tratti di una persona che ha dimenticato, nell’ufficio che sta per chiudere, di ultimare una pratica importante, di un pendolare che sta per perdere l’ultimo treno della giornata, di un medico che corre in soccorso al suo paziente morente, di una madre che rincorre suo figlio scappato via, di un’innamorata che raggiunge  all’aeroporto , come nei film, il suo amato per una dichiarazione last minute, di uno scippatore col rolex appena rubato in tasca.

E’ solo Jelinek che ha deciso di fare una passeggiata rilassante.

Perchè è ufficiale: Jelinek non sa passeggiare, non  cammina, lei, semplicemente, corre.

Ieri il suo ultimo record: casa-stazione del treno 4 minuti, la gente, mediamente, ne impiega dieci per una distanza simile.

Annunci

12 commenti

Archiviato in autoanalisi, cavolate varie, racconti, riflessioni, scene di ordinaria follia, vita

Aggiornamento

La situazione è ancora indefinita, mi si prospetta di rientrare nella mansione precedente, mi hanno perdonato?
Il fatto è che io sto meglio a fare quello che faccio ora, cioè quasi nulla!
Ma mi sa che non posso chiederlo, anzi se mi rimettono dov’ero devo anche ringraziare…

In ogni caso ancora è tutto da stabilire.
Io attendo comunicazioni dall’alto, ovvero aspetto la visita dell’arcangelo Gabriele!!!
Intanto seguo corsi, scrivo saggi, leggo libri, e a lavoro faccio nulla, meglio di così!
Che se avessi imparato davvero a fregarmene l’avrei presa nel modo giusto, non ci sarei rimasta tanto male, avrei dormito meglio e non avrei angosciato lui coi miei scleri.

Ma cos’avrò fatto  mai? Si chiedeva giustamente qualcuno.

Semplice: ho chiamato per nome una persona che non potevo "toccare", io non solo l’ho toccata ma l’ho chiamata pubblicamente con un epiteto non proprio edificante, anzi ne ho lasciato una sorta di documento scritto.

qui sul mio onore, smetterei di giocar con le parole,
ma è un vizio antico e poi quando ci vuole per la battuta mi farei spellare…
e sempre
infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio perchè con questa spada vi uccido quando voglio

11 commenti

Archiviato in citazioni, lavoro, racconti, riflessioni, vita

lavoro, varie ed eventuali

La situazione a lavoro è indefinita.

Ho fatto una cazzata, ma proprio una cazzata che mi sarei potuta evitare, e da fiorellino di campo sono diventata la pecora nera che bruca nel campo.

Ora non so domani che farò.

Anche perchè mi rendo conto che dovrei trovare il coraggio di mandarli a quel paese, perchè dopo una notte insonne, due giorni di pensieri sparsi e una situazione che tutto sommato, se vuol essere una punizione, a me sembra piuttosto un premio: nella nuova mansione non faccio nulla, praticamente, dicevo anche perchè nonostante tutto ciò mi angosci molto relativamente al mio immediato futuro io  non ne posso proprio più di quell’ambiente del cazzo dove vai avanti solo se lecchi i culi giusti, quelli che al momento vanno di più.

Ma ovviamente, solo perchè non possono mandarmi via prima che scada il contratto, stanno  aspettando il momento di presentarmi il benservito.

Io ho solo capito che loro non mi meritano.
Perchè io avrò pure sbagliato, è vero, ma una persona che lavora da due anni in un’azienda non si giudica per un errore, uno. E io sono una persona che va avanti con lo sguardo aperto, che si prende tutte le sue responsabilità, ma che, in ogni cosa, tiene fede innanzitutto ai propri principi e, se sbaglia, è consapevole di aver sbagliato ma è altrettanto consapevole che tutto ciò che ha fatto, al momento, ha avuto le sue buone ragioni. Nel giudicare una persona io non credo si possa prescindere da questo genere di valutazioni. Se loro sono abituati a valutare secondo altri criteri, criteri che non mi appartengono, allora io non posso tollerare che tali criteri si applichino alla mia persona, io la mia dignità non la perderò mai. E’ poco ma è una delle mie uniche certezze.

Che poi la ragione non sta sempre tutta da una parte e così anche il torto, ma prendersela col più debole è troppo, troppo, troppo più facile.

E sarebbe proprio bello mandarli tutti a cagare, e scusatremi il turpiloquio che ormai pervade questo blog.
Se domani mi girano faccio come Fantozzi. Spero di avere almeno i miei novanta minuti di applausi!!!

10 commenti

Archiviato in lavoro, racconti, riflessioni, vita

Catullo, carme 65

Gli appunti di latino sono stati copiati, organizzati, sistemati in modo perfettamente fruibile.

L’ordine delle colonne e dei paragrafi è geometricamente ben riuscito. Tutti collocati e collegati nel posto e nel modo giusto.

Il tratto nero della penna è omogeneo e la grafia non subisce variazioni da rigo a rigo, da pagina a pagina.

La carta è liscia e bianca, i quadretti sono solo lievemente tracciati.

Conto in tutto nove pagine, il contenuto della prima lezione, una gran bella lezione di letteratura latina, dove si è riusciti a parlare di libertà, di democrazia, di umanità, di sentimento, di esistenzialismo, di paura, di morte, di poesia, di arte.

Il discorso segue ampie curve ma è in sé perfettamente logico e lineare, adesso non dovrò ripeterlo né impararlo perché l’ho capito nella misura in cui ne ho fatto completamente mio il messaggio.

Accarezzo con la mano le pagine scritte fitte fitte e sono serena.

Studiare mi fa stare bene, non c’è cosa che ami fare di più al mondo, non c’è cosa che mi venga meglio, non c’è cosa che mi faccia sentire tanto in pace con me stessa.

Il pomeriggio non avrei potuto trascorrerlo in modo migliore.

 

E nell’incontro con questa dimensione di me stessa riesco ad amarmi.

 

Non c’è lavoro che tenga, nei prossimi giorni ne parlerò, perché è successa una cosa brutta, ma qui non entra, la lascio fuori, la soffio via carezzando il foglio di carta liscia.

 

Ancora una volta l’atto dello studio è riuscito ad emozionarmi.

10 commenti

Archiviato in arte, autoanalisi, riflessioni, studio, vita

Quante braccia rubate all'agricoltura!!!

Che ti svegli una mattina e ti chiama una professoressa di Lingua e Letteratura inglese vagamente tecum imparentata per chiederti se è giusto ciò che ha appena risposto al professore di storia il quale a sua volta le aveva chiesto se Il mercante di venezia fosse un’opera di Shakespeare.

Tu ovviamente rispondi che è giusto, così com’è giusto che tu sappia questa cosa che  giustamente sa  il 99% delle persone che conosci.

Quello che non è giusto è che loro che non lo sanno debbano star lì ad istruire gli istruiti di domani.

7 commenti

Archiviato in attualità, cavolate varie, riflessioni, scene di ordinaria follia, vita

2 commenti

Archiviato in arte, attualità, citazioni, musica

Ora io mi chiedo perchè, perchè ogni volta che decido di assumere una posizione defilata, di accodarmi alle scelte degli altri, alle loro iniziative, di svolgere un ruolo marginale, così, di punto in bianco, mi trovo invece ad essere sempre quella su cui ricade oltre che la responsabilità anche la regia del lavoro?

Che io ieri l’avevo detto: fate voi, per me va bene tutto, e poi all’improvviso mi sono vista proporre non solo come portavoce del gruppo nonchè come colei che presenterà il lavoro, ma anche come organizzatrice, ovvero io devo scegliere l’argomento, stilare la struttura del lavoro e assegnarne le parti ad ogni componente, riservando per me la più complicata, questo è ovvio.

Perchè attiro le responsabilità e i lavoracci come i fiori attirano le api?

Che poi, detto tra parentesi, io sono l’unica del gruppo che oltre a dover scrivere la tesina lavora, ma questo non  è importante, perchè io agli altri sembro  wonderwoman, e non riesco a capire come sia possibile.

Caspita io mi sento così fragile, insicura, inadeguata.
Ma probabilmente l’impressione che di me hanno gli altri è completamente diversa se tutti continuano a darmi la responsabilità dei loro lavori, delle loro scelte, la responsabilità delle loro responsabilità.
Persone che ieri mi hanno visto per la prima volta, che mi hanno parlato per qualche ora.

Così stamani mi trovo a lavorare nel mio giorno libero, ha dover stilare lo schema del lavoro che poi comunicherò a tutti via e mail, e, stupida, continuo anche a chiedermi se a loro piacerà.

14 commenti

Archiviato in lavoro, riflessioni, scene di ordinaria follia, vita